Bergamo e Brescia per una gita fuoriporta

Bergamo e Brescia per una gita fuoriporta

Un week end è sempre l’occasione perfetta per una gita fuoriporta. Da Milano le mete utili per trascorrere due giorni in luoghi meravigliosi sono molte, tra queste ci sono Bergamo e Brescia. Due città ricche di storie e leggende legate alle numerose abbazie che le popolano, ma non solo, perché Bergamo e Brescia sono anche luoghi di feste e sagre famose in tutta Italia. Se si decide di programmare una gita fuoriporta in queste zone, ci sono delle destinazioni che non possiamo perdere e delle tradizioni che, scoprendo questi luoghi, dobbiamo conoscere.

Pontida (Bergamo). San Giacomo Apostolo

Pontida è sulla strada Briantea, a sedici chilometri da Bergamo dove, nel 1076, venne fondato il monastero di San Giacomo Apostolo. Subito dopo la sua edificazione vi sorsero nei paraggi: cascine, mulini, vigneti, frutteti. Si dice che il monastero, nel 1167, abbia ospitato i delegati della Lega Lombarda che in quell’occasione strinse il patto contro Federico Barbarossa, proprio come ricorda una lapide sulla facciata dell’edificio. Un altro importante giuramento che si sviluppò sullo scenario del monastero di San Giacomo Apostolo fu quello dei comandanti supremi degli alleati che s’impegnarono a combattere contro Germania e Austria, nella seconda Guerra Mondiale. Da visitare nel monastero: la sala capitolare e le sale cinquecentesche. Curiosa la statua girevole in rame di San Giacomo posta sul campanile.

Abbazia di San Giacomo Apostolo a Pontida

Abbazia di San Giacomo Apostolo (Pontida)

Caravaggio (Bergamo). Beata Vergine della Fonte

A soli cinque chilometri da Treviglio, la chiesa inizia a essere costruita nel luglio del 1432. E’ un luogo in cui si respirano arte e cultura. Oggi lo troviamo con una forma a croce latina con una cupola alta sessantotto centimetri che ricorda per vari aspetti quella di San Pietro. Caratteristica la fonte prodigiosa che sgorga nella cripta. Da visitare anche il bellissimo giardino esterno.

Lonato (Brescia). Maguzzano

La piccola abbazia di Maguzzano fu realizzata dai monaci benedettini nel IX secolo. Nel paese, nel 1300, esplosero devastazioni e saccheggi che distrussero il monastero che fu ricostruito quasi totalmente alla fine del 1400. Il campanile è di stile romanico e l’interno dell’abbazia piccolo. Ci sono interessanti opere esposte, una su tutte è la pala raffigurante un Santo Monaco con un cervo. La più importante, però, è la pala dell’Assunta realizzata da Il Moretto, il maestro bresciano Alessandro Bonvicino.

Brescia. La sagra della Madonna delle Grazie e la Festa dell’Assunzione 

Brescia

Brescia

La Sagra della Madonna delle Grazie risale al XIII secolo, quando iniziarono i lavori per la costruzione della chiesa di Santa Maria di Palazzolo. La sagra era dapprima legata alla liberazione da pestilenze, dopo il 1800 nacque la polemica contro l’anticlericalismo, ma questo non piaceva ai governi liberali che, proprio per questo, proibirono i cortei all’esterno del santuario.

La festa dell’Assunzione è la più antica della zona. Nell’antichità, quando le campane suonavano, in città si svolgeva il corteo dell’Oblatio, ricco di abiti sfarzosi, torce, gonfaloni ricamati, pifferi. Vera e propria festa di paese, la sagra cambiava il giorno dopo, dove in una parte della città si svolgevano le corse dei tori e da un’altra parte asini e muli con in groppa le donne.

Dillo ad un amico

Selezionati per Te

Bar Trattoria Al 395: la tradizione italiana a tavola

Tradizione e gusto. Sono questi gli ingredienti che rendono unico il Bar Trattoria Al 395 a Milano.

Soggiorno a Minori in Costiera Amalfitana? Si! Con le ...

Minori è una delle più antiche località della Costiera Amalfitana. Questa piccola città nel I

Ristorante al Cellini: Ogni Giovedì, menu degustazione dai ...

A due passi da Cinque Giornate, vicino alle famose casette di via Lincoln e in un angolo ancora